Il film che andremo a recensire oggi, è “Io speriamo che me la cavo” diretto dalla mano amabile di Lina Wertmüller è un capolavoro nel suo genere.

Incontriamo un grande Paolo Villaggio nelle vesti di un maestro del nord, che si ritrova in una Napoli, con una cultura così lontana e differente dalla sua. Grazie alla sua infinta bontà, forza d’animo e speranza riesce a tracciare un filo conduttore importante e forse essenziale con questi ragazzi, a volte così bisognosi di trovare l’appoggio a qualcosa di più solido del solito e di essere compresi da qualcuno con cui condividere le loro realtà.

Consigliamo la visione di questa pellicola, poiché trasmette e dona moltissimi valori importanti.

D.P.R.