Oggi in occasione della Giornata Internazionale del Teatro, parleremo di… Teatro, questa spettacolare parolina nasce dal greco θέατρον, théatron, cioè luogo pubblico di spettacolo.

Al contrario di come si pensa, il teatro non è nato, però, con la tragedia greca, bensì era già presente nell’Antico Egitto, anzi, secondo alcune fonti oltre le danze e le scenette, era già esistente la scrittura del copione.

Il più grande spettacolo dell’Egitto antico, fu quello sul dio Osiride.

Un’altra forma degna di nota è il teatro del Rinascimento, dove si sviluppa nella società l’amore del bello, dell’arte. Le città, infatti, vengono abbellite e l’uomo viene messo come fulcro con le sue esigenze e le sue emozioni. È un teatro, ancora forse per pochi, nelle corti e nei palazzi dei signori dell’epoca, come i Medici, gli Este e molti altri, dove vengono ospitati gli artisti e vengono molto apprezzati.

Tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento si fa strada o meglio si afferma, il teatro contemporaneo, ricco di gestualità interpretativa.

Alcuni scrittori di teatro dell’epoca, degni di nota sono:

- Il drammaturgo francese Edmond Rostand, che ricordiamo specialmente per la sua conosciuta opera “Cirano di Bergerac”.

- L’italiano Luigi Pirandello, premiato con il Premio Nobel per la letteratura nel millenovecentotrentaquattro.

- Samuel Beckett, Premio Nobel per la letteratura nel millenovecentosessantanove.

Giungendo ai nostri giorni, troviamo i grandi artisti teatrali che stanno lottando in un periodo buio, forse il più buio di questo secolo, per poter mantenere vivida la cultura del teatro, anche con il supporto della tecnologia, tramite spettacolo in streaming.

Il pensiero della redazione di Culturaebuonemaniere.it, è rivolto in questo giorno proprio a loro e a tutte le figure dello spettacolo dal vivo, quali: produttori, tecnici, maestranze ecc., con la speranza che presto il teatro in presenza riparta.

D.P.R.  

Giornata internazionale del Teatro 2021 - Recita monologo di Marco Antonio di Shakespeare